Categories
Mondo Notizie Tecnologia Uncategorized

La NASA richiede proposte per il secondo lander lunare con equipaggio Artemis

La NASA ha rilasciato una richiesta di proposte per un secondo lander lunare umano per il programma Artemis per unirsi al lander Starship in fase di sviluppo da parte di SpaceX.

La NASA ha pubblicato l’invito a presentare proposte il 16 settembre, quasi sei mesi dopo aver annunciato i piani per il progetto Sustaining Lunar Development (SLD) e aver rilasciato una bozza di invito a presentare proposte per il feedback del settore. L’agenzia ha fissato una scadenza del 15 novembre per ricevere proposte con un premio previsto per maggio 2023.

La compagnia selezionata svilupperebbe un lander che supporterebbe le missioni dopo Artemis 3, il primo atterraggio con equipaggio della campagna Artemis che sarà fatto da SpaceX non prima del 2025. La compagnia vincitrice effettuerebbe un atterraggio senza equipaggio seguito da un atterraggio con equipaggio non prima della missione Artemis 5 alla fine del 2020, quindi sarebbe idonea, insieme a SpaceX, a completare i contratti di servizio di atterraggio lunare per le missioni successive.

“Il lavoro svolto nell’ambito di questa sollecitazione, oltre all’attuale sviluppo di lander e agli studi in corso, contribuirà a costruire le basi per l’esplorazione dello spazio profondo a lungo termine”, ha dichiarato Lisa Watson-Morgan, manager del programma Human Landing System (HLS) presso il Marshall Space Flight Center della NASA, in una dichiarazione sul rilascio dell’invito a presentare proposte.

A marzo, la NASA ha presentato il sostegno allo sviluppo lunare come l’adempimento di un impegno nei confronti del Congresso che avrà concorrenza nel programma HLS complessivo. “Ho promesso la concorrenza, quindi eccola qui”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson all’annuncio di marzo del progetto.

L’azienda vincitrice dovrà dimostrare che il suo lander può soddisfare i requisiti per una missione nozionale del lander lunare chiamata Polar Sortie Mission. Quella missione avrebbe trasportato due astronauti sulla superficie lunare per un soggiorno fino a 6,25 giorni e avrebbe supportato quattro moonwalk pianificati e uno di emergenza.

Una successiva Polar Excursion Mission avrebbe richiesto al lander di trasportare quattro astronauti sulla superficie lunare e rimanere lì per 33 giorni. Quella missione supporrebbe che ci siano altre risorse nel sito di atterraggio, come un habitat in cui gli astronauti rimarrebbero durante la missione, e quindi richiederebbe solo una passeggiata lunare di andata e ritorno dal lander all’habitat e ritorno. Le aziende possono anche mostrare come i loro lander potrebbero supportare missioni di breve durata in regioni diverse dal polo sud della luna ed essere utilizzati per trasportare merci.

La competizione HLS originale, vinta da SpaceX nell’aprile 2021, includeva anche offerte da team guidati da Blue Origin e Dynetics. Queste aziende hanno protestato contro il premio al Government Accountability Office, che ha respinto le proteste tre mesi dopo. Blue Origin ha quindi intentato causa presso il tribunale federale, che si è pronunciato contro la società, consentendo alla NASA di procedere con SpaceX.

Né Blue Origin né Dynetics hanno formalmente annunciato la loro intenzione di fare un’offerta per il programma Sustaining Lunar Development, anche se Blue Origin ha una pagina segnaposto “Artemis Lander” sul suo sito web.

Non è inoltre chiaro se i partner di Blue Origin nella sua “Squadra Nazionale” che hanno fatto offerte per HLS, tra cui Draper, Lockheed Martin e Northrop Grumman, si uniranno nuovamente a Blue Origin nella nuova competizione. I funzionari di Lockheed e Northrop non si sono impegnati poco dopo l’annuncio del progetto a marzo, dicendo che all’epoca stavano studiando le opzioni.

“Stiamo guardando a SLD. Ovviamente, è un’opportunità per noi”, ha detto Robert Lightfoot, vicepresidente esecutivo di Lockheed Martin Space, in un’intervista del 28 agosto prima del primo tentativo di lancio di Artemis 1. Ha detto che la società aveva deciso con quali aziende avrebbe lavorato sulla proposta, ma non era pronta a rivelarle.

Leave a Reply

Your email address will not be published.