Categorie
Notizie Tecnologia

Il primo lancio di ABL Space Systems fallisce

Il primo volo del razzo RS1 di ABL Space Systems non è riuscito a raggiungere l’orbita il 10 gennaio, la seconda perdita di un piccolo veicolo di lancio commerciale in 24 ore.

La società ha annunciato che avrebbe tentato il lancio di RS1 dal Pacific Spaceport Complex – Alaska (PSCA) sull’isola di Kodiak alle 18:27 orientali. La società non stava trasmettendo via web il lancio, offrendo invece aggiornamenti tramite i social media.

La società ha annunciato più di 20 minuti dopo il decollo programmato che il lancio era fallito. “Dopo il decollo, RS1 ha sperimentato un’anomalia e si è spento prematuramente”, ha twittato la società. “Il team sta lavorando attraverso le nostre procedure di risposta alle anomalie in coordinamento con PSCA e FAA”.

 

La società non ha fornito ulteriori dettagli sul guasto, incluso quando dopo il decollo si è verificata l’anomalia o la natura dell’anomalia. “Questo non è il risultato che speravamo oggi, ma uno per cui ci siamo preparati”, ha detto la società.

RS1 è un piccolo veicolo di lancio che ABL stava sviluppando, in grado di posizionare fino a 1.350 chilogrammi in orbita terrestre bassa. Il veicolo a due stadi ha nove dei suoi motori E2 nel suo primo stadio e un motore E2 ottimizzato per il vuoto nello stadio superiore, utilizzando cherosene e propellenti di ossigeno liquido. Il veicolo è progettato per il lancio da strutture con infrastrutture minime.

Al lancio inaugurale, l’RS1 trasportava due piccoli satelliti per OmniTeq. La missione è stata progettata per dimostrare il deployer Equalizer di OmniTeq e testare il suo carico utile radio ad alta frequenza VariSat.

Il fallimento è arrivato dopo diversi tentativi di lancio cancellati a novembre e dicembre. La società ha interrotto il suo primo tentativo di lancio il 14 novembre mezz’ora prima del decollo a causa di un guasto alla valvola nel sistema di pressurizzazione nel serbatoio del carburante dello stadio inferiore del razzo. Un secondo tentativo il 17 novembre è arrivato a T-1,8 secondi prima di fermarsi a causa della bassa pressione in metà dei suoi generatori di gas quando ha tentato l’accensione del primo stadio. La società ha concluso di non aver adeguatamente condizionato l’ossigeno liquido nel veicolo.

Un terzo tentativo il 21 novembre è stato abortito a T-1,75 secondi a causa della bassa pressione nel sistema utilizzato per accendere il motore, utilizzando una sostanza chiamata TEA-TEB. “Questo era vicino”, ha detto la società in un successivo riepilogo pubblicato sul suo sito web, poiché la pressione era appena al di sotto della soglia per fermare il lancio. “Se fossimo stati solo lo 0,3% meno conservativi, RS1 avrebbe volato quel giorno.”

ABL ha cancellato un quarto tentativo l’8 dicembre a T-6 minuti per ciò che la società ha successivamente spiegato come “interferenza elettrica inaspettata” nell’avionica del razzo. Tale interferenza, ha detto la società, è stata vista solo quando il veicolo è stato caricato con propellente.

ABL ha raccolto diverse centinaia di milioni di dollari da società di venture capital, con Lockheed Martin sia come investitore strategico che come importante cliente. Lockheed ha firmato un contratto nell’aprile 2021 per ben 58 lanci RS1 fino alla fine del decennio e ha anche selezionato l’RS1 per eseguire il suo lancio “U.K. Pathfinder” dallo spazioporto SaxaVord nelle Isole Shetland più tardi nel 2023.

Il fallimento dell’RS1 è avvenuto quasi esattamente 24 ore dopo che il razzo LauncherOne di Virgin Orbit ha subito un’anomalia inspiegabile durante la sua missione “Start Me Up” dallo spazioporto della Cornovaglia in Inghilterra. Questo problema si è verificato mentre la seconda fase stava sparando, ma la società non ha fornito ulteriori dettagli sul fallimento. Questo fallimento ha avuto luogo durante la sesta missione di LauncherOne e dopo quattro successi consecutivi.

È anche il quarto fallimento di lancio in meno di un mese. Un razzo Vega C ha subito un malfunzionamento al suo secondo lancio il 20 dicembre. Arianespace e l’Agenzia spaziale europea stanno indagando congiuntamente su questo fallimento e non hanno fornito aggiornamenti dopo un briefing il giorno dopo l’incidente.

Zhuque-2, un razzo sviluppato dalla società di lancio privata cinese Landspace, ha funzionato male al suo lancio inaugurale il 14 dicembre. Zhuque-2 stava tentando di essere il primo veicolo di lancio che utilizzava il metano come carburante per raggiungere l’orbita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *